Paolo Albani
GASTRONOMIA POTENZIALE
(E NON)

Nel 1988 ho creato dei "finti" menu che hanno,
al posto delle pietanze, alcune figure retoriche:











Copia di un mio menu con le firme di alcuni oplepiani


Questi menu, con il titolo di (P)assaggi retorici,
scritti tipograficamente in modo lineare
(cioè non riprodotti come immagine),
sono citati in Raffaele Aragona, a cura di,
Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale,
in riga edizioni, Bologna, 2019, pp. 50-51.




Sempre nel libro curato da Aragona sono riportati altri due
miei contributi gastronomici:


1.
Rimembranze culinarie alla maniera di Georges Perec,
uscite nella plaquette Le leggi della tavola. Regole per tutti i gusti,
"Biblioteca Oplepiana", n° 29, 2009, pp. 15-17;
nel libro curato da Aragona sono alle pp. 103-105.


2.
PAROLANZE
(pietanze a base di parole)




Parola sul nero di seppia



Parola flambée




Parola al cartoccio




Parola alla cacciatora




Spiedino di parola



Parola in fricassea



Passato di parola



Sformato di parola



Filetto di parola



Antipasto di parola piccante




Risotto alla parola ludica




Nel libro curato da Aragona queste "parolanze", con piccole
varianti, sono riprodotte alle pp. 184-187.

_____________________________________________


ALTRI MIEI CONTRIBUTI GASTRONOMICI




Nel 2004, dal 21 ottobre al 21 novembre, ho tenuto una mostra allo spazio ZONA 15 in piazza Brunelleschi 53/55 a Firenze intitolata Pasto & testo. Diciotto oggetti verbo-visivi dedicati al tema del cibo, mostra replicata da BZF, uno spazio per l'arte la cultura la comunicazione, in via Panicale 61/r a Firenze dal 3 al 29 aprile 2006.


Il piacere del testo


Ho parlato di "cucina fantastica e potenziale" durante la manifestazione PAN DE RE, festa del pane, dei forni e dei mulini alla Giareda, IIIa edizione, tenutasi a Reggio Emilia dal 4 al 9 settembre 2012.






Dal 13 al 23 settembre 2013 ho partecipato alla mostra intitolata Il cibo nell'arte. L'arte del cibo, a cura di Siliano Simoncini, in collaborazione con le gallerie Peccolo e Gilardi di Livorno e la collezione Carlo Pepi di Crespina, presso il Complesso Fieristico Sorbano del Giudice a Lucca.

 


HOME  PAGE        TèCHNE       RACCONTI        POESIA VISIVA

ENCICLOPEDIE  BIZZARRE         ESERCIZI  RICREATIVI          NEWS