Paolo Albani
AH, CHE CRUCCIO LA BIOGRAFIA!


    Lo scrittore statunitense James Albert Roover (1875-1933) scriveva racconti più brevi 
della nota biografica stampata sulla quarta di copertina dei suoi libri. Statisticamente parlando esiste una relazione biografica inversa: più uno scrittore è sconosciuto e più lunga è la sua scheda biografica, e viceversa.


    Sono nato il 3 dicembre 1946 a Marina di Massa, nella casa di mia zia Tecla, in  una stradina lunga e stretta che porta fino al mare.
   Scrittore (nel senso lato "che scrivo"), poeta visivo e sonoro, performer, sono membro dell'OpLePo (Opificio di Letteratura Potenziale) (per visionare i miei esercizi oplepiani cliccate qui), della Sezione italiana della Joseph Crabtree Foundation e del Comitato Scientifico dell'Institut International de Recherches et d'Exploration sur les Fous Littéraires
    In qualità di semi-semiologo, ho tenuto nel 1994 il corso di Semiotica ("Definizioni e applicazioni di semiotica. Esplorazioni nel mondo del gioco verbo-visivo") presso l'I.S.I.A. (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Firenze e per vari anni, a partire dal 2000, ho insegnato all'Università del Progetto di Reggio Emilia (si vedano le note al mio corso intitolato La parola come oggetto anomalo, anche).
  Sono Console Magnifico dell'Istituto Patafisico Vitellianense, emanazione autonoma del Collegio di 'Patafisica, e da alcuni anni ricopro la cattedra di Linguistica fantastica presso la Facoltà di Scienze inutili di Barcellona.
  A volte mi capita di organizzare dei laboratori di "scrittura creativa" (che preferisco chiamare "ri-creativa") in vari contesti: università, manifestazioni culturali, istituzioni pubbliche e private.
    Dirigo la nuova serie di Tèchne, rivista di bizzarrie letterarie e non.
    Con grande divertimento ho scritto testi umoristici per alcune vignette.
    Per l'editore Ponte alle Grazie, quand'era a Firenze, ho diretto una collana di scritture dedicate all'humour, alla manipolazione grottesca e surreale dei linguaggi, al gioco e a curiosità e arguzie, in cui uscirono, ahimé, solo due volumi: Le cerniere del colonnello e i Bisticci classici di Vincenzo Trambusti.
  Biograficamente parlando mi piace ricordare l'acrostico che nel 2000 mi ha dedicato Giuseppe Chiari. Nel 2003, il circolo culturale Malacarne di Verona, ha organizzato un "paraconvegno eterodosso ricreativo internazionale" sulla mia attività.
    
Trovate alcune definizioni che mi riguardano cliccando qui.


  
PUBBLICAZIONI

    Dopo un preoccupante inizio poetico, ho pubblicato fra le altre cose:

Note per il Manifesto del Neo-futurismo, Ed. Libreria Feltrinelli, Firenze, 1967.

Parole in difficoltà, Ed. della rivista "Tam Tam", Montecchio Emilia (Reggio Emilia), 1983.

Afonismi, Ed. della rivista "Tam Tam", Montecchio Emilia (Reggio Emilia), 1989.

Le cerniere del colonnello. Antologia di scritti dell'Istituto di Protesi Letteraria, a cura di, Ponte alle Grazie, Firenze, 1991.

Words in progress, Campanotto Editore, Udine, 1992.

Aga Magéra difúra. Dizionario delle lingue immaginarie, Zanichelli, Bologna, 1994 e 2011; Les Belles Lettres, Paris, 2001 e 2010.

Forse Queneau. Enciclopedia delle Scienze Anomale, Zanichelli, Bologna, 1999.

Il corteggiatore e altri racconti, Campanotto, Udine, 2000.

Aforismi, Edizioni Pulcinoelefante, Osnago, 2003.

Mirabiblia. Catalogo ragionato di libri introvabili, Zanichelli, Bologna, 2003.

Il sosia laterale e altre recensioni, Edizioni Sylvestre Bonnard, Milano, 2003.

La governante di Jevons. Storie di precursori dimenticati, Campanotto, Udine, 2007. 

Dizionario degli istituti anomali nel mondo, Collana Compagnia Extra, Quodlibet, Macerata, 2009.

Manualetto pratico ad uso di coloro che vogliono imparare a scrivere il meno possibile, FUOCOfuochino, Viadana, 2010.

Dal buco della letteratura, FUOCOfuochino, Viadana, 2012.

I mattoidi italiani, Collana Compagnia Extra, Quodlibet, Macerata, 2012.

Spiritello cattivo, FUOCOfuochino, Viadana, 2013.

Fenomeni curiosi, Collana Note Azzurre eBook, Quodlibet, Macerata, 2014.

Umorismo involontario,
Collana Compagnia Extra, Quodlibet, Macerata, 2016.

Le cose che non so, premessa di Roberto Asnicar, Babbomorto editore, Imola, 2017.

Il complesso di Peeperkorn. Scritti sul nulla, "Piccola Biblioteca di Letteratura inutile" ideata e curata da Giovanni Nucci, Italo Svevo, Roma, 2017.


   
Per le collaborazioni a riviste, giornali, relazioni e interventi a convegni, festival, seminari, interviste e simili, prefazioni, postfazioni e affini, collaborazioni con artsti, disegner, ecc. cliccate qui.



HOME  PAGE        TèCHNE      RACCONTI     POESIA VISIVA

ENCICLOPEDIE  BIZZARRE       ESERCIZI  RICREATIVI       NEWS